Luntanu luntanu

La vicchiaredda,

ittata

comu  ‘na pezza strazzata,

stava assittata

‘nta n’agnuni lordu

di lu curtigghiu.

 Immagine1

Immagine tratta da Internet

Taliava

li furmiculi, li surci,

e mancu li viria.

Immagine2

Immagine tratta da Internet

Viria

‘na bedda signorina,

chi passiava cu lu zitu,

viria

‘na carrozza cu li cavaddi,

chi si firmava a la so porta

e idda

chi v’acchianava

Immagine3

Immagine tratta da Internet

Luntanu, luntanu,

comu chiddu di lu cuntu,

ni lu paisi di lu re,

longu davanti

e curtu darrè,

la carrozza la purtava

e lu principi la maritava.

Immagine4

Immagine tratta da Internet

 Nonnò

risbigghiati!

Mà, mà,

la nonnò nun s’arrisbigghia  ‘cchiù,

mà, mà…

Luntanu, luntanu,

la vicchiaredda s’inniu,

luntanu, luntanu…

Nicole Valents

Ho deciso di aggiungere una traduzione per rendere maggiormente comprensibile il testo, anche se così facendo la poesia ha perso della musicalità, sono spariti certi artifici letterari.

Ho voluto raccontare la dipartita di una persona anziana nel modo più lieve possibile, come se partisse per il mondo delle fiabe, riconciliandosi con il passato, ricongiungendosi con le persone amate.

TRADUZIONE

Lontano lontano

La vecchietta,

gettata

come uno straccio,

stava seduta

in un angolo sporco

del cortile.

Guardava

le formiche, i topi,

e nemmeno li vedeva.

Vedeva

una bella signorina,

che passeggiava con il fidanzato,

vedeva

una carrozza trainata dai cavalli

e lei

che vi saliva.

Lontano lontano

come quello del racconto,

nel paese del re,

lungo davanti

e corto di dietro,

la carrozza la conduceva

e il principe la sposava.

Nonna

svegliati!

Mamma, mamma,

la nonna non si sveglia più,

mamma, mamma…

Lontano lontano

la vecchietta se n’è andata,

lontano, lontano…

Nicole Valents

Annunci